• Gio. Feb 25th, 2021

Il Fascismo soffoca il libero sindacalismo

ByCampo Roberto

Mar 13, 2019

Il Fascismo soffoca il libero sindacalismo

Il titolo del giornale fascista L’Impero non ha bisogno di commento: “Chi non è nella sensibilità fascista non è un dissidente, è un morto”. Non minacce vane, come testimoniano l’assassinio di Giacomo Matteotti (1924) e quello dei fratelli Carlo e Nello Rosselli, esuli in Francia (1937). Nella fotografia, Renato Pierleoni, futuro braccio destro di Italo Viglianesi nella UIL, al funerale dei Rosselli, a Parigi. Il sindacato libero durante il regime fascista fu reso impossibile e costretto all’esilio; con il Patto di Palazzo Vidoni (1925), la Confindustria si impegnava a riconoscere esclusivamente i sindacati fascisti. La CGdL va in esilio, in Francia.

Mostra storica del sindacalismo riformista italiano/18

Campo Roberto

Presidente dell'Istituto Studi Sindacali Italo Viglianesi

Pin It on Pinterest